Comunicato assemblea Mondadori


I giornalisti della Arnoldo Mondadori Editore riuniti in assemblea generale, presenti le redazioni di Segrate e Roma, rigettano fermamente le decisioni di azienda e direttori di chiudere le redazioni romane di Panorama, Sorrisi e Canzoni e Chi, di trasferire 5 dei 10 colleghi da Roma a Segrate (3 di Sorrisi e Canzoni e 2 di Panorama) e di lasciare i rimanenti 5 giornalisti (1 di Chi e 4 di Panorama) a Roma, ma lavorando prevalentemente da casa. Tali provvedimenti, decisi in maniera del tutto unilaterale e contravvenendo a impegni verbali concordati appena quattro mesi fa (in sede di apertura di un nuovo Sato di crisi) di fronte a Fnsi, Associazione lombarda dei giornalisti, Associazione stampa romana e Fieg, sono inaccettabili per molti motivi, di cui segnaliamo di seguito i principali:

le presunte esigenze organizzative addotte dai direttori per i 5 trasferimenti appaiono tutt’altro che convincenti. Su di esse aleggia il grave sospetto che si tratti di tentativi di licenziamento mascherati o, peggio, provvedimenti punitivi ad personam;

l’altra misura unilateralmente annunciata, ossia la fuoriuscita dei restanti 5 colleghi dallo spazio fisico delle rispettive redazioni non è normata, a oggi, dal nostro contratto nazionale. Temiano possa essere un preludio per ulteriori iniziative future anche nei loro confronti;

la vendita del palazzetto di via Sicilia appena effettuata non comporta la chiusura della sede romana della Mondadori, ma l’affitto di una nuova sede nelle adiacenze per i soli dipendenti dell’ufficio stampa Mondadori e di Electa. Non si riesce a capire per quale motivo non possa esservi ricavato uno spazio per tutti i nostri 10 giornalisti;

ove i provvedimenti fossero davvero motivati dall’intento di conseguire risparmi, l’azienda avrebbe potuto e potrebbe ancora prendere in affitto una sede in zona meno costosa o in moderni spazi di co-working per i suoi dipendenti romani.

l’attuale Stato di crisi, il terzo in sette anni, comporta un sacrificio economico gravoso per tutti i giornalisti della Mondadori, le casse dell’Inpgi e quelle dello Stato. E’ anche grazie a queste agevolazioni che l’Azienda, in questi anni, ha potuto abbattere il costo del lavoro giornalistico. Ricordiamo a tutti che Mondadori ha recentemente deciso di rinforzare la sua posizione con le importanti acquisizioni della divisione libri della Rcs e il restante 50% del periodico Focus. Proprio l’amministratore delegato Ernesto Mauri ha evidenziato con legittimo orgoglio, in occasione dell’ultima trimestrale, il ritorno all’utile per ben 6,6 milioni dell’intero gruppo e un margine operativo lordo di 3,3 milioni euro dell’area periodici.

Per tutte queste ragioni esprimiamo il nostro pieno sostegno a tutti i colleghi della sede romana e deploriamo che ai tavoli informali dei giorni scorsi a Segrate, presenti tutte le rappresentanze sindacali aziendali, locali e nazionali, la Mondadori e i direttori delle testate abbiano rifiutato qualsiasi proposta di compromesso, come il possibile congelamento dei provvedimenti fino alla fine dello stato di crisi (giugno 2017). Vogliamo infine richiamare l’azienda al rispetto delle regole pattuite, ricordando che vale sempre il principio del «pacta sunt servanda». La chiusura totale da parte dell’azienda sulla vicenda romana rappresenta infine un inaccettabile e preoccupante cambio di passo nelle relazioni sindacali a livello aziendale e nazionale, tanto più grave e minaccioso perché si manifesta in concomintanza del confronto, ormai dichiarato aperto, fra FNSI e FIEG per il rinnovo del contratto nazionale dei giornalisti.

L’Assemblea dei giornalisti Mondadori

Segrate e Roma, 10 novembre 2015


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento