Hearst Marie Claire licenzia con la Fornero


Contestiamo il licenziamento della giornalista Alba Solaro, caporedattore di Marie Claire. Contestiamo le motivazioni addotte dall’azienda e ne denunciamo le modalità, irrispettose del Contratto nazionale di lavoro. Non accettiamo l’utilizzo strumentale della Legge Fornero, laddove erano possibili altre soluzioni, condivise col sindacato. E per questo ci attiveremo per mobilitare la categoria.
Oggi si è consumato un altro atto della vicenda gruppo Hearst- Alba Solaro. In DTL, a Milano, l’azienda ha confermato la sua intenzione di licenziare Alba, malgrado le giornate di scioperi e le inziative messe in atto da Cdr di Hearst Marie Claire (HMC), Cdr di Hearst magazine italia (HMI), FNSI e ALG. Davanti alla DTL, un folto gruppo di giornalisti e di sindacalisti ha manifestato contro la decisione aziendale.
Da oggi dunque, Hearst può procedere al licenziamento di Alba Solaro: l’azienda infatti, durante gli incontri sindacali che hanno preceduto l’appuntamento in DTL, ha mostrato una totale chiusura sia nei confronti di una gestione dell’”esubero” attraverso un ammortizzatore sociale a rotazione, che perfino attraverso una ricontrattazione con la collega della sua posizione contrattuale ed economica.
E’ evidente che il licenziamento di Alba Solaro segna una svolta senza ritorno nelle relazioni sindacali con il gruppo Hearst, in primis per la decisione di licenziare una giornalista attraverso la legge Fornero. In secondo luogo per le modalità con cui ha messo in atto questa intenzione: inviando una lettera di avvio della procedura alla collega il 29 dicembre, senza avere avvisato il Cdr (come previsto dal Contratto), nemmeno in merito al cambiamento nell’organizzazione del lavoro, che a detta dell’azienda, doveva comportare la soppressione della figura del caporedattore centrale. Né, ci preme sottolinearlo, alcun avviso alla collega o al Cdr era stato dato dal direttore di Marie Claire, competente, per contratto a decidere delle scelte che riguardano la redazione.
La Federazione Nazionale della Stampa e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti manifestano con forza l’assoluta contrarietà al licenziamento e a questo modo di procedere adottato da un editore che prima di questo momento aveva sempre cercato e ottenuto il dialogo con le rappresentanze sindacali. Una modalità inspiegabile, poco rispettosa delle relazioni sindacali e umane e assolutamente non giustificata dai motivi economici e organizzativi addotti dall’azienda.
Ma soprattutto, con questo licenziamento, si procede all’utilizzo di una legge, la cosiddetta “Fornero”, che è pericolosissima da usare nelle redazioni. Licenziare un giornalista, poterlo fare adducendo motivi economici e organizzativi che in realtà possono sottendere qualsiasi altra motivazione, è un pericolo enorme per la libera stampa e la democrazia di questo Paese. Non è un caso che la legge Fornero sia stata finora usata di più in altre categorie e quasi mai in quella dei giornalisti: il caporedattore mette un argine al dilagare della commistione notizie-pubblicità? Il redattore ha scritto qualcosa di sgradito a un politico o a una banca? L’inviato scopre qualcosa che dà fastidio agli amici del’azienda o anche di un direttore compiacente? Basta “sopprimere” quella posizione “riorganizzando” la redazione e invocare un motivo economico oggi assai facile da sventolare e lo si può licenziare.
Turchia, Polonia, sono casi più eclatanti manovre contro la libertà di stampa. Ma non ci sono solo questi casi limite. E’ un attacco alla libera informazione anche l’uso, nei confronti di una categoria delicata e fondamentale per la democrazia come quella dei giornalisti, di leggi che con la bandiera del mercato e della sostenibilità economica di fatto sottopongono tutti i colleghi a un ricatto latente.
Gli editori non possono ignorarlo. Con scelte di questo tipo si assumono la responsabilità, scardinando il sistema delle relazioni sindacali finora seguito, di incidere sul diritto costituzionalmente garantito, del cittadino alla libera informazione.

Di seguito i comunicati di HMC e HMI
Le redazioni di Marie Claire e Marie Claire Maison riunite in assemblea dopo l’incontro di oggi venerdì 15 gennaio tra azienda, Cdr, Fnsi e Alg - vista la totale chiusura dell’azienda e la sua decisione di procedere nell’ “intenzione al licenziamento” del caporedattore centrale di Marie Claire Alba Solaro nonostante la disponibilità del sindacato a discutere e vagliare ogni possibile via per una soluzione non traumatica della questione - hanno deliberato di utilizzare uno dei sette giorni di sciopero affidati al Cdr. Proclamano quindi una giornata di sciopero per lunedì 18 gennaio.

I motivi dello sciopero, oltre alla totale contrarietà nei confronti del licenziamento in questione, riguardano temi più ampi: innanzitutto la preoccupazione che il licenziamento individuale per “giustificato motivo oggettivo” apra scenari inquietanti per la libertà di stampa, rendendo precari e ricattabili tutti i professionisti dell’informazione giornalistica. Inoltre la contraddizione inspiegabile per cui gli editori, in un momento di trasformazione e di grandi sfide, trovano come soluzione “strutturale” quella di tagliare chi i giornali li fa.

Il CDR HMC


L’assemblea dei giornalisti Hearst Magazines Italia (HMI), riunitasi venerdì 15 gennaio 2016, proclama lo stato di agitazione e affida al CdR un pacchetto di 6 giorni di sciopero a seguito della decisione da parte della società Hearst Marie Claire (HMC) di procedere al licenziamento della collega Alba Solaro, caporedattore centrale di Marie Claire, per “giustificato motivo oggettivo”. Le due aziende fanno riferimento a un comune proprietario, il Gruppo Editoriale Hearst, vengono gestite dallo stesso management e in questi anni hanno seguito logiche editoriali simili.

Non è pertanto accettabile, e desta viva preoccupazione anche presso i giornalisti del gruppo HMI, la totale indisponibilità dichiarata dalla società HMC al CdR HMC e alla FNSI a valutare soluzioni alternative a un provvedimento che, ancorché legittimo, apre scenari inquietanti per la professione giornalistica e la libertà di stampa stessa, rendendo di fatto facilmente ricattabili e precari tutti i professionisti dell’informazione.

Nel ribadire la sua incondizionata contrarietà al licenziamento della collega Solaro e la piena solidarietà alla stessa, l’assemblea dei giornalisti HMI proclama il primo giorno di sciopero per lunedì 18 gennaio 2016 e chiede contestualmente al comune management di ritirare immediatamente la procedura nei confronti della collega.

Qualora l’azienda decidesse invece di perseverare nella propria linea alimentando il clima di paura e sconcerto per la dirompenza di un atto sinora alieno alla normale dinamica dei rapporti sindacali, il CdR HMI ha pieno mandato di utilizzare i restanti 5 giorni di sciopero nella maniera che riterrà più adeguata.

Il CdR HMI


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento