EVENTI SETTIMANA 18 - 24 LUGLIO 2016


20Mercoledì 20 luglio ore 11
Presentazione Report 2015 (Bilancio di Missione) della Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus
RELATORI: Ferruccio De Bortoli, Stefano Zamagni, Luigi Bobba, Don Carmine Arice, vescovo Erminio De Scalzi, mons. Angelo Bazzari, Marco Campari, Paolo Mocarelli.
Quasi 11 mila pazienti ricoverati, per oltre 330 mila giornate di degenza ospedaliera. Oltre 580 mila trattamenti ambulatoriali ospedalieri, con più di 140 mila assistiti. Oltre 7.600 ricoveri e più di un milione di trattamenti ambulatoriali extraospedalieri. Ancora: oltre 4200 assistiti in ambito socio-assistenziale (Rsa per anziani, Centri Diurni Integrati, Assistenza Domiciliare Integrata e Hospice) e più di 500 disabili accolti nelle Residenze Sanitarie, nei Centri Diurni e negli altri servizi attivi.
Sono alcuni dei numeri dell’articolata attività dei Centri della Fondazione Don Gnocchi, descritti e illustrati nel Report 2015, che sarà presentato mercoledì 20 luglio al Circolo della Stampa di Milano. Una dettagliata fotografia della Fondazione oggi, con i risultati raggiunti, i progetti realizzati e i momenti più significativi che hanno caratterizzato lo scorso anno.
Dopo aver sinteticamente ricordato la biografia del fondatore e ripercorso per capitoli la storia dell’Opera che oggi porta il suo nome, il Report si sofferma sulla governance e sul nuovo modello organizzativo ormai consolidato.
Il capitolo delle risorse umane rivela che gli operatori della “Don Gnocchi” sono attualmente 5.615 (3.680 dipendenti e 1.935 collaboratori e libero professionisti, con il 74% donne e il 26% uomini). Un migliaio - tra associati e singoli - i volontari che prestano servizio nei Centri.

Mercoledì 20 luglio ore 14,30
Presentazione del libro “Abbiamo rovinato l’Italia? Perchè non si può fare a meno del sindacato” di Marco Bentivogli, segretario generale nazionale FIM CISL
Con l’autore interverranno: Tiziano Treu, Gianfelice Rocca, Oscar Giannino e Giulio Sapelli
Coordina: Rita Querzè, giornalista Corriere della Sera
Il sindacato ha senso se rappresenta qualcuno, se ha un progetto di cambiamento. Se fino ad oggi ciò è avvenuto, pur con dei limiti, bisogna chiedersi come il sindacato sarà in grado anche in futuro di svolgere questo ruolo di rappresentanza. Di sicuro i lavoratori, se stanno insieme sono più forti e, quindi, più liberi.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento