La solidarietà del sindacato lombardo al collega minacciato Paolo Berizzi


“L’ennesimo gesto intimidatorio nei confronti del giornalista di Repubblica, Paolo Berizzi, deve scuotere le coscienze di tutti. Confidiamo nell’impegno delle autorità competenti affinché si ponga fine al più presto a tanto plateali minacce rivolte a chi ha una sola colpa: fare il mestiere del cronista”. Lo afferma il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini. Il collega Berizzi è stato minacciato a più riprese - l’ultima volta l’altra notte, con uno striscione esposto a Gazzada Schianno, nel Varesotto - dal sedicente gruppo Mab, del quale ha scritto in diversi articoli e inchieste. Il presidente Alg gli ha espresso tutta la solidarietà del sindacato lombardo. “Le minacce rivolte a Berizzi - ha aggiunto - sono purtroppo il destino condiviso di molti altri giornalisti che in nome della verità e del diritto di informazione ogni giorno si impegnano a raccontare quanto accade sul territorio. Anche in Italia, purtroppo, quella del giornalista è una professione ad alto rischio. Chiediamo alle Istituzioni di fare il possibile affinché vengano fermati e puniti gli autori di gesti intimidatori verso chi fa informazione. Alla comunità dei giornalisti, invece, chiediamo di far sentire la propria voce e di esprimere pubblicamente la propria vicinanza ai colleghi oggetto di minacce, perché è fondamentale che chi vive questi momenti di difficoltà in nome di un bene che è di tutti, non si senta in alcun modo solo”.


(fonte FNSI.IT) Nuove minacce a Paolo Berizzi, la Fnsi vicina al collega: «Chiederemo un incontro al ministro dell’Interno»

Il cronista di Repubblica di nuovo nel mirino del gruppo neonazista Do.Ra. «Le autorità intervengano adottando nei confronti degli autori delle intimidazioni le misure previste dalla legge. Segnaleremo i troppi casi di giornalisti minacciati in ogni parte d’Italia», anticipano segretario generale e presidente.

«Le intimidazioni e il pubblico linciaggio cui è sottoposto Paolo Berizzi vanno fermati al più presto. I gruppi neonazisti lombardi che hanno preso da tempo di mira il giornalista di Repubblica per le sue inchieste vanno sciolti dalle autorità competenti e non lasciati liberi di agire indisturbati». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI, dopo l’ennesima minaccia al collega, sempre da parte del sedicente Do.Ra., Comunità militante dei Dodici Raggi, apparsa su uno striscione affisso l’altra notte a Gazzada Schianno, in provincia di Varese.
«A Paolo Berizzi, già sottoposto a misure di protezione da parte delle forze dell’ordine – dicono Lorusso e Giulietti – la solidarietà del sindacato dei giornalisti italiani, insieme con l’appello alle autorità ad adottare nei confronti degli autori delle minacce le misure previste dalla legge. Chiederemo inoltre un incontro al ministro dell’Interno per segnalare, ancora una volta, i troppi casi di intimidazioni e minacce che stanno interessando i colleghi in ogni parte d’Italia».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento