L’Alg su Libero: “Incomprensibile la scelta di lasciare Roma”


“Rinunciare a Roma, capitale del Paese e centro della vita parlamentare, per un giornale politico è una scelta incomprensibile. Eppure il quotidiano Libero dal primo ottobre non avrà più una sede romana e tutti i redattori di Roma verranno trasferiti a Milano” denuncia il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini. Il tavolo sindacale aperto nel tentativo di trovare un’intesa anche di compromesso si è infatti chiuso con un mancato accordo. “Non è stato possibile nemmeno far accettare ad azienda e direttore alcuna soluzione alternativa e il trasferimento forzato a Milano dell’intera redazione romana rischia di non giovare al giornale e di impoverirne i contenuti”,
“È stato impossibile trovare vie condivise che aprissero alla flessibilità e a soluzioni innovative come il lavoro da remoto per alcuni giorni la settimana - spiega Anna Del Freo, vicepresidente Alg e segretario aggiunto Fnsi che ha seguito passo passo la vertenza -. Di fatto è stata un’occasione mancata per tutti i giornalisti di Libero, non solo romani. Ora il rischio è che possa aggravarsi la situazione complessiva per un giornale che, nella situazione di copie in calo, al tavolo non ha portato un chiaro messaggio di rilancio non riuscendo a delineare quale strategia ci sia dietro il mero trasferimento dei colleghi da Roma a Milano”


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento