Il giornalismo muore se non si blocca chi copia guadagnando dal lavoro di altri


“Scippare l’informazione non solo è reato, ma è anche la condanna a morte di un pezzo strategico dell’industria italiana e la demolizione della professione giornalistica”. Il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti condivide il grido d’allarme lanciato dal quotidiano lodigiano “Il Cittadino” che denuncia il “saccheggio on-line di articoli e intere pagine”, copiate e distribuite gratuitamente sul Web con l’aggravante di non riportare nemmeno la fonte da cui sono state prelevate.
“Quanto denunciano i colleghi de “Il Cittadino” di Lodi rappresenta un uso distorto del Web che ha ridotto la notizia a moderna commodity, disponibile gratuitamente nell’universo digitale. Questa situazione è uno dei cancri che affligge il settore dell’informazione e che sta distruggendo, giorno dopo giorno, le aziende editoriali, l’occupazione giornalistica e la professione. L’uso e la distribuzione gratuita di notizie professionalmente prodotte da altri è un atteggiamento parassita di chi vuole speculare cercando di guadagnare sul lavoro altrui”.
“Negli Stati Uniti – ricorda il presidente dell’ALG - pochi giorni fa oltre duemila testate giornalistiche si sono unite contro lo strapotere dei colossi del Web: hanno chiesto la definizione di una legge antitrust per proteggere i giornali dalle multinazionali di Internet che utilizzano gratis i contenuti digitali intascando i profitti pubblicitari generati dalla distribuzione delle loro notizie. Anche in Italia servirebbero politiche più incisive di investimento a tutela del diritto d’autore delle notizie e dei prodotti editoriali cartacei e digitali, oltre a norme più pressanti contro chi scippa impunemente il valore dell’industria e dei lavoratori dell’informazione. Invece, nell’indifferenza generale, si chiude un occhio su chi si comporta da furbetto. E così i giornali chiudono, i giornalisti perdono il posto di lavoro e chi fa il freelance o il collaboratore è sempre meno pagato e più sfruttato. Se non si cambia passo sarà messo a repentaglio il diritto fondamentale dei cittadini all’informazione di qualità e, di conseguenza, la stessa libertà”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento