Quando Condé Nast dice che pubblicare un comunicato è impossibile


Il Comitato di Redazione delle testate del gruppo Condé Nast racconta la vicenda del comunicato che l’azienda non ha pubblicato sui numeri che usciranno nelle prossime settimane in abbonamento ed edicola.
L’Associazione Lombarda dei Giornalisti esprime solidarietà e pieno sostegno alle colleghe e ai colleghi Condé Nast.

Il comunicato “impossibile”

Prima era troppo lungo, poi non c’erano i tempi tecnici, quindi - una volta accertato che i tempi tecnici c’erano - si è passati alla strategia del temporeggiamento silente…
Parliamo del comunicato sindacale elaborato dall’assemblea dei giornalisti Condé Nast il 1° agosto, dopo che il Cdr era stato informato dell’imminente chiusura di quattro testate: L’Uomo Vogue, Vogue Bambini, Vogue Sposa e Vogue Accessory.
Come vuole il Contratto Nazionale di Lavoro Giornalistico, il comunicato sindacale avrebbe dovuto essere pubblicato su tutte le testate Condé Nast nella prima edizione utile.
Per i mensili significava, in questo caso, il numero di settembre.
Così non è stato.
L’azienda, che non ha titolo d’intervento in materia (l’autorizzazione dei comunicati sindacali è di competenza esclusiva dei direttori responsabili delle testate), adducendo scuse improbabili (la lunghezza del testo, la tempistica…) ha indicato come “impossibile” la pubblicazione del comunicato su tutti i giornali cartacei (con l’eccezione di Vanity Fair), rinviandola ad ottobre. Peccato che la maggior parte delle testate fosse ancora in lavorazione e, in particolare, lo erano ben tre di quelle in dismissione e per due di queste, almeno teoricamente, quello di settembre sarà l’ultimo numero.
Vogliamo parlare di golpe contrattuale? Un’azione di disturbo nelle normali relazioni sindacali gestita con la complicità dei direttori responsabili, i quali, anche loro, in questa occasione hanno scelto di vedere come tecnicamente “impossibile” quello che il Contratto prevede e che per noi risultava invece fattibile.
Il Cdr della Condé Nast stigmatizza questa scelta e ritiene che la stessa possa avere due motivazioni strumentali:
1) il numero di settembre è per molte testate del gruppo il più atteso e importante dell’anno: l’inserimento del nostro comunicato avrebbe potuto rappresentare un importante danno di immagine;
2) è possibile che le chiusure annunciate corrispondano più a uno spauracchio agitato per favorire le uscite volontarie di colleghi che a un piano reale e definitivo (con la testata Wired in passato è avvenuto qualcosa di simile).
Il Cdr Condé Nast, insieme all’Associazione Lombarda dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa, denunciando l’intera vicenda si attiveranno affinché nessun abuso possa danneggiare i giornalisti del gruppo e, conseguentemente, l’intera categoria.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento