Altro che giornalisti superpagati. È Visibilia Magazine che ha avuto lo sconto sul costo del lavoro


L’ultima fake news circolata oggi è quella che dice che i giornalisti di Visto e Novella 2000 guadagnano fino a 180 mila euro l’anno. Il bello è che a lanciare questa bufala nel corso di un’intervista a Radio Cusano Campus emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, è l’onorevole Daniela Santanchè, editore dei due settimanali con la sua Visibilia Magazine. Società che è stata messa in liquidazione e che ora sta licenziando tutti i giornalisti senza però cessare le pubblicazioni e affidando a service esterni la realizzazione delle riviste, in barba alle norme contrattuali.
“Quando si parla di stipendi degli altri (anche se sono propri dipendenti) è facile incorrere in errori: a noi risulta che nessun collega di Visto e Novella 2000, nemmeno quello con la maggiore anzianità e gli incarichi più rilevanti e nemmeno al netto della Cassa integrazione, abbia un reddito (ancorché lordo) che si avvicini neanche lontanamente a quello indicato dall’onorevole” spiega il presidente dell’Associazione Lombarda Giornalisti, Paolo Perucchini.
Quello che invece l’onorevole non dice, è che gli stipendi dei colleghi sono, da quando lei ha acquisito le riviste, “tagliati” considerevolmente grazie agli ammortizzatori sociali, cioè risorse pubbliche di cui la Santanchè ha abbondantemente fruito (l’ultima Cassa integrazione arrivava al 47%) per abbattere il costo del lavoro nella sua azienda. Risorse pubbliche che, tra l’altro, dovrebbero servire al rilancio dell’azienda e a salvaguardare l’occupazione, non certo a licenziare i colleghi.


Il Direttivo ALG contro i licenziamenti a Visto e Novella 2000

No ai licenziamenti, no all’uso scorretto dei service per sostituire le redazioni. Il consiglio direttivo dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti schierato al fianco dei colleghi di Visto e Novella 2000, condanna fortemente il comportamento della Visibilia Magazine che fa capo all’onorevole Daniela Santanchè e che, a poco meno di due anni dall’acquisto delle testate dal gruppo PRS, vorrebbe oggi liberarsi di tutti i suoi dipendenti.
La società a luglio è stata posta in liquidazione e, subito dopo, ha avviato le procedure di licenziamento collettivo dei 14 dipendenti. Il tutto in presenza di un accordo di cassa integrazione che permetteva risparmi economici fino al 47% del costo del lavoro. La società ha deciso di rinunciare unilateralmente alla Cigs, ha posto in ferie forzate i colleghi assunti a tempo indeterminato e, contestualmente, ha affidato la realizzazione delle riviste a un service esterno. Un’operazione in palese violazione delle regole contrattuali e che rischia inoltre di aggravare i conti della società in liquidazione.
L’Associazione Lombarda dei Giornalisti continuerà a sostenere i colleghi e a contrastare con ogni azione la volontà dell’editore di proseguire sulla strada dei licenziamenti collettivi, evitando altresì possibili tentativi di pubblicare ancora le riviste senza rispetto delle norme del Contratto oppure di affittare o vendere le testate senza giornalisti.


Visibilia Magazine, Fnsi e Associazioni di Stampa al fianco dei colleghi contro i licenziamenti

«Nessuno può pensare di eludere il contratto di lavoro giornalistico né immaginare di realizzare prodotti editoriali senza l’apporto di giornalisti regolarmente contrattualizzati. Tanto più se è un parlamentare della Repubblica», ribadiscono la Giunta federale e la Consulta delle Assostampa.

«Nessuno può pensare di eludere il contratto di lavoro giornalistico né immaginare di realizzare prodotti editoriali senza l’apporto di giornalisti regolarmente contrattualizzati. Tanto più se è un parlamentare della Repubblica Italiana». È quanto affermano, in una nota, la Giunta della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e la Consulta delle Associazioni Regionali di Stampa, riunite oggi a Roma.
La Visibilia Magazine – che fa capo a Daniela Santanchè – è stata messa in liquidazione e subito dopo i dipendenti sono stati posti in ferie forzate, ma le sue riviste “Visto” e “Novella 2000” continuano a uscire, realizzate da service esterni in violazione delle norme di legge e di contratto.
E negli intenti dell’azienda – spiegano Fnsi e Associazioni di Stampa – dovrebbero continuare a uscire in futuro senza i giornalisti dipendenti, nei confronti dei quali è stata aperta la procedura di licenziamento collettivo e dopo aver unilateralmente dichiarato la chiusura della Cassa integrazione in essere.
Il sindacato dei giornalisti italiani, costantemente vicino ai colleghi dei settimanali “Visto” e “Novella 2000”, si oppone con forza alla strategia che Visibilia ha messo in atto e chiede all’editore chiarezza nella gestione di questa partita e il rispetto delle regole.
E diffida il liquidatore di Visibilia Magazine dall’eludere il contratto giornalistico e le norme generali sul lavoro e sugli ammortizzatori sociali, ora e nel caso di eventuali e già ventilate ipotesi di cessione dell’azienda o delle testate.
«La Fnsi, insieme all’Associazione Lombarda dei Giornalisti, vigilerà e agirà in tutte le sedi a difesa degli interessi dei colleghi di “Visto” e “Novella 2000”», concludono i rappresentanti dei giornalisti italiani.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz