Più tutele e compensi più alti per i freelance


«Il giornalismo del futuro passa per i freelance, che all’estero sono trattati con rispetto perchè se ne conosce e se ne apprezza la professionalità, cosa che non accade in Italia». È quanto emerso dal convegno su “Informazione discount: senza tutele, verità a rischio” tenuto nella sede della Fnsi, il sindacato unitario dei giornalisti. «Occorre rafforzare questa categoria di giornalisti - hanno sottolineano i promotori dell’Usgf, l’Unione sindacale giornalisti freelance - garantendo maggiori tutele e compensi, per non correre il rischio che con loro se ne vada anche un pezzo di democrazia».

Per Simona Fossati, rappresentante dell’Usgf, che ha chiesto alla Fnsi il riconoscimento come organismo di base, figura prevista dallo statuto del sindacato stesso, «il nocciolo della questione è che il freelance dovrebbe costare all’editore più del redattore, così come accade all’estero. Ora, il tentativo degli editori è di avvalersi di una forza lavoro esterna, lasciata allo sbaraglio, senza tutele e soggetta a ricatti. (Adnkronos)


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento