Sebastiano Grasso in arabo e svedese


È Hadam Oudghiri, discendente del Profeta, la traduttrice in arabo del libro di
versi d’amore di Sebastiano Grasso, dal titolo L’alfabeto si spoglia, pubblica-
to dalla casa editrice siriana Attakwin, con la prefazione di Adonis, il mag-
giore poeta arabo contemporaneo. Il volume contiene cento poesie, con testo
a fronte: 60 dell’ultimo libro (Tu, in agguato sotto le palpebre) e 40 tratte da-
gli altri quattro libri precedenti (Il tuo pube nero befferà la morte, 2000; Sul
monte di Venere, 2002; La preghiera di una vergine, 2004; Il talco sotto le bal-
lerine, 2006).

Versi d’amore con alte punte di erotismo che ben si situano nel-
la tradizione della grande poesia araba. Ma, come gli ultimi avvenimenti ci in-
segnano, è meglio non correre rischi. E, così, l’editore siriano, per la scelta an-
tologica e per la traduzione, si è affidato ad una discendente di Maometto.
«Nella vita di ogni giorno» scrive, fra l’altro, Adonis «esiste un vuoto che si
colma veramente soltanto con la bellezza, precisamente con la bellezza della
donna: non di una qualsiasi, ma di quella amata e innamorata. Occorre, quin-
di, rimodellare questa vita perché si fondi sulla presenza della donna in quan-
to bellezza e amore, una presenza simile a quell’eterno profumo che emana
una rosa chiamata “la vita quotidiana”, nei dettagli e nelle differenze – casa,
letto, caffè, pane, acqua, aria, albero, strada, lavoro –; una presenza dove la
donna diventa orizzonte per la vita e profondità per la visione interiore.
Così la bellezza non arriva più alla vita dall’alto o dall’esterno, ma scaturisce dal-
le cose stesse e dalla loro presenza nella vita quotidiana».

Contemporaneamente all’edizione araba, è uscito in Svezia (dove nel 2007
era già stata pubblicata un’antologia, Sinfonietta för Juliana), da 2 Kronors
Förlag, Du, i bakhåll under ögonlocken (Tu, in agguato sotto le palpebre),
nella traduzione di Ulla Åkerström e con la prefazione di Jesper Svenbro.
« Vorrei insistere» precisa l’accademico svedese «sulla potente tradizione
latina che parla nelle poesie di Sebastiano Grasso, non perché egli sulle or-
me di Ezra Pound si sia appropriato di Properzio, ma perché egli come poeta
d’amore sembra scrivere sotto dettato della stessa dea che ispirava i poeti ro-
mani; gli appartiene la stessa violenta angoscia di Properzio e Catullo senza
che le sue poesie appaiano mai come applicazioni della ricetta dell’antica
poesia romana.
È una voce contemporanea quella che sentiamo, non la voce
di un teorico della tradizione. È un avvenimento unico nella poesia italiana
quello di cui siamo testimoni».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Un commento

  1. Mariella scrive:

    Una guida veramente molto carina.Ho capito veramente tante cose oggi! Ciao e Grazie!


Lascia un commento