Chi era Guido Passalacqua


Sindacalista attento e consapevole, grande cronista, testimone come pochi della dura realtà degli anni di piombo (il terrorista Marco Barbone  gli sparò alle gambe nel maggio 1980, due settimane prima di assassinare Walter Tobagi) ma anche acuto analista della politica italiana, Guido Passalacqua ci ha lasciati dopo lunga malattia. Aveva 67 anni.

Era poco più di ventenne quando ha cominciato a scrivere per Panorama, poi era passato a Repubblica fin dalla sua fondazione.  Inviato di punta, inchiestista, commentatore politico, più volte nel Cdr, non si è mai limitato a difendere i diritti dei suoi colleghi: ha “allevato”, come capocronista, nella redazione milanese del giornale, decine di nuove leve. Per molti colleghi è stato un punto di riferimento per correttezza professionale, competenza e per suo modo di porgersi senza enfasi, capace di sdrammatizzare le situazioni più difficili e complesse. Quante cene a Padova con gli inviati di mezza Italia durante le indagini su piazza Fontana, a Roma durante il sequestro Moro, a Palermo, Napoli, Bari, e a Milano… Guido che si sforzava di analizzare e capire, di far ragionare anche i colleghi più schierati  nella stagione delle stragi e degli ammazzamenti. E quanti rimproveri a chi cercava la scorciatoia per comprendere situazioni complesse che richiedevano invece calma e riflessione, con quel carattere all’apparenza burbero e invece di straordinaria disponibilità.

Guido ha scritto libri di notevole interesse, l’ultimo sulla storia della Lega che ha seguito fin dagli esordi. Bossi lo ha sempre ammirato anche se Guido non si è mai schierato dalla sua parte, forse lo amava proprio per questa sua autonomia intellettuale che gli faceva ripetere una delle sue frasi per noi colleghi diventata quasi proverbiale: “C’è una bella differenza tra una notizia e un commento, invece sono ancora troppi quelli che mettono insieme tutto e non aiutano a capire i fatti”.
Questo era Guido Passalacqua.

Renzo Magosso 


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento