Crisi Askanews: il Cdr si rivolge alla politica


Di seguito pubblichiamo l’appello del Cdr di Askanews.

Il Cdr dell’agenzia di stampa Askanews rivolge un appello a tutte le forze politiche per incontri che consentano di poter illustrare la drammatica situazione di una delle principali agenzie di stampa del paese. L’azienda ha deciso di procedere unilateralmente con una brutale richiesta al ministero del Lavoro di cassa integrazione al 70%, dichiarando esuberi pari a due terzi dei giornalisti. Una mossa intimidatoria che si abbatte su una redazione che responsabilmente, tramite lo stesso Cdr e la delegazione sindacale, ha mostrato un costante impegno per cercare soluzioni sostenibili, alla grave crisi causata dalla mancata definizione della gara sui servizi giornalistici avviata dalla presidenza del Consiglio ormai 10 mesi fa. Una incertezza che potrebbe prolungarsi oltre il 4 marzo, quando sarà eletto il nuovo Parlamento.
Il pesantissimo intervento chiesto dall’editore compromette il futuro dell’agenzia quale fonte autorevole nel panorama informativo. Oltre al destino di Askanews è in discussione l’assetto stesso del sistema dell’informazione primaria.
Riteniamo quindi che l’ormai prossima scadenza elettorale debba essere l’occasione per un utile confronto con i leader delle liste dei candidati al prossimo Parlamento non per sollecitare salvataggi alla politica o strappare impegni ma per fornire un contributo nella direzione di definire soluzioni che garantiscano il pluralismo informativo e la tutela dei livelli occupazionali, obiettivi che erano stati assicurati quando si è deciso di procedere sul bando europeo e che al momento non si sono realizzati.

26/02/2018


Cdr Askanews: Non si garantisce il futuro dell’agenzia con la Cigs al 70%

Di seguito pubblichiamo il comunicato del Cdr di Askanews.

Le inesattezze e le omissioni presenti nel comunicato dell’azienda Askanews sui motivi che hanno portato alla richiesta unilaterale al ministero del Lavoro di cassa integrazione al 70%, con esuberi pari ai 2/3 del personale giornalistico, costringono il Cdr a una replica. L’azienda dimentica di menzionare che Askanews è sempre stata in costanza di ammortizzatore e che i giornalisti, in questi anni, hanno contribuito alla tenuta dei conti aziendali con oltre 4 milioni di euro. Un ammontare quasi doppio, rispetto ai 2,5 milioni di euro di patrimonio netto che l’azienda dice di aver bruciato in questi mesi a causa della mancata aggiudicazione di un lotto della gara voluta dal governo per la fornitura di servizi giornalistici e che ha causato la crisi finanziaria in cui versa oggi Askanews.
Quanto alla ricapitalizzazione o “capitalizzazione” prospettata dall’azienda, si tratterà di capitale o di partite infragruppo? Come quella di Internazionale che ha portato nella pancia di Askanews il 19% del settimanale invece di un credito esigibile probabilmente utile in un momento di difficoltà? Il Cdr torna ad affermare con forza che non si tutela il futuro di un’agenzia di stampa costringendo i giornalisti a trattare livelli di cassa integrazione che renderebbero impossibile la produzione di un notiziario di qualità. Inoltre perché chiedere sacrifici così pesanti solo ai giornalisti? Si vuol far fare il nostro lavoro ad altre figure?
In considerazione della gravità della situazione, il Cdr di Askanews rinnova la propria richiesta al governo e al ministro Luca Lotti affinché si trovi tempestivamente una soluzione all’impasse dei bandi e all’editore Luigi Abete di svolgere il suo ruolo di imprenditore, investendo nella propria azienda senza scaricare il rischio di impresa interamente sulle spalle dei giornalisti.

26/02/2018


Sciopero Askanews, Fnsi Asr e Alg: «Azienda e governo non fuggano dalle responsabilità»

«Il sindacato dei giornalisti considera inaccettabile il comportamento dell’editore che, pur in una situazione di difficoltà dovuta principalmente a scelte sbagliate dell’esecutivo, ha deciso di scaricare l’intero onere della crisi sui lavoratori», scrivono Federazione e Assostampa.

Federazione Nazionale della Stampa italiana, Associazione Stampa Romana e Associazione Lombarda dei Giornalisti ribadiscono il sostegno ai colleghi di Askanews in sciopero contro il piano di tagli draconiani presentato dall’editore.
«Il sindacato dei giornalisti – precisano in una nota – considera inaccettabile il comportamento dell’azienda che, pur in una situazione di difficoltà dovuta principalmente a scelte sbagliate del governo, ha deciso di scaricare l’intero onere della crisi sui lavoratori».
FNSI, Stampa Romana e ALG ritengono, inoltre, che «sia ancora percorribile la strada di un accordo che, come proposto negli incontri tenutisi nei giorni scorsi, ripartisca equamente i sacrifici fra lavoratori e azionisti, questi ultimi finora indisponibili a farsi carico delle difficoltà».
Il sindacato dei giornalisti, in linea con quanto deliberato dall’Assemblea di redazione, torna infine a stigmatizzare il comportamento del ministro con delega all’Editoria, Luca Lotti che, «dopo aver imposto regole che hanno portato molta incertezza nel settore dell’informazione primaria, non ha avvertito neanche la necessità di ricevere e ascoltare i giornalisti di Askanews che più volte gli hanno chiesto un incontro», concludono la Federazione della Stampa e le due Associazioni regionali.

23/02/2018


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento