Fondo pensione complementare, a Cattolica Assicurazioni la gestione del comparto ‘garantito’


La proposta accolta dal Cda prevede la garanzia del capitale versato. La convenzione avrà una durata di 7 anni e riguarderà oltre 1400 iscritti per un ammontare di 46milioni di euro. Entro un tetto prefissato, permetterà di avere a disposizione lo strumento fondamentale per il funzionamento della R.I.T.A.

Il Consiglio di amministrazione del Fondo complementare dei giornalisti ha deliberato di assegnare la gestione del comparto garantito alla società Cattolica Assicurazioni che già aveva in carico il precedente mandato scaduto lo scorso 31 dicembre. L’assegnazione è avvenuta a seguito della proposta pervenuta al Fondo dopo che due bandi pubblici erano andati deserti per l’impossibilità di reperire sul mercato società che garantissero al comparto un rendimento paragonabile a quello del Tfr.
Il Cda ha aderito alla proposta di Cattolica che prevede la garanzia del capitale versato. La convenzione avrà una durata di 7 anni e riguarderà oltre 1400 iscritti per un ammontare di 46milioni di euro.
«L’affidamento dell’incarico a Cattolica Assicurazioni – commenta il presidente del Fondo, Enrico Castelli – consentirà di mantenere attivo un comparto che costituisce lo strumento privilegiato per coloro che preferiscono scegliere un profilo con rischio molto basso o sono in prossimità del pensionamento. Entro un tetto prefissato, permetterà inoltre al Fondo di avere a disposizione lo strumento fondamentale per il funzionamento della R.I.T.A. (rendita integrativa temporanea anticipata) recentemente introdotta nell’ordinamento. Infine in questo comparto potranno continuare a confluire le somme del Tfr di coloro, i cosiddetti ’silenti’, che non hanno provveduto a effettuare alcuna scelta di comparto».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento