Freelance, le mille identità sospese


“Ogni giorno dobbiamo sfidare lobbies e privilegi che non hanno alcuna giustificazione giuridica”. E ogni giorno faccio di tutto per “scrollarmi di dosso la mia condizione di precario che non mi merito”.

E’ un brano degli interventi che corredano la ricerca, patrocinata dall’Associazione Stampa Abruzzese e condotta dalla collega Patrizia Pennella della redazione di Pescara de “Il Tempo” , presentata recentemente nella città di D’Annunzio.
“Identità sospese. Indagine sulle condizioni di lavoro di collaboratori e free lance” è il titolo del volume che raccoglie le testimonianze di 118 colleghi e che l’Associazione Lombarda dei giornalisti ha scelto di mettere a disposizione su questo sito.
Una realtà piccola quella abruzzese, ma significativamente dimostrativa di condizioni di lavoro senza eguali in altre professioni. Una indagine che parla di abusi e false libertà di stampa, di comportamenti al di là di ogni limite di legge, di sofferenze e silenzi obbligati pur di mantenere una collaborazione di pochi euro a pezzo.

Nella ricerca di Patrizia Pennella c’è uno spaccato crudo della condizione giornalista. Quella vera, vissuta sul campo, senza le comodità delle garanzie contrattuali e senza stipendi certi. Anzi, con miseri compensi riconosciuti anche un anno dopo la pubblicazione degli articoli. Nei numeri delle tabelle c’è la solitudine di chi sa di non poter da solo affrontare aziende che incontrastate decidono quando e come far nascere o interrompere un rapporto di lavoro.
Identità sospese è certamente un titolo evocativo, perfetto per chi ha voluto lanciare uno spiraglio di luce nel buio della ragione della professione giornalistica. Buio della ragione, proprio così: in quale altro modo si può indicare una sommatoria di ingiustizie e vessazioni, pressioni psicologiche e solitudine, frantumazione della dignità e sfruttamento? Di meritocrazia, neppure parlarne in questo mestiere, di “patti di lealtà” tra colleghi - evocati nel suo intervento dal segretario della Fnsi Franco Siddi – non se ne vede l’ombra.
Scrive Siddi nella prefazione del volume: “Ma pur nelle difficoltà che il sindacato incontra nella gestione di questo fenomeno, è evidente che non possiamo limitarci a constatare l’impotenza, ma dobbiamo porre collettivamente una maggiore attenzione al mondo del precariato per stabilirne regole, diritti e garanzie”. E’ un impegno che certamente precari, free lance e collaboratori, ciascuno per la propria parte, prendono in parola. E attendono con ansia fatti concreti. (Toni Mirabile)

Scarica qui Identità sospese.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento