Le cronache d’Italia di Annibale Del Mare sabato all’Archivio di Stato di Milano


2018 11 10 LocandinaSabato, alle 11.00 all’Archivio di Stato di Milano si svolgerà l’incontro dedicato ad Annibale Del Mare e alle sue Cronache d’Italia.
Nel secondo Dopoguerra molti italiani si trasferirono all’estero. Annibale Del Mare, già collaboratore in attività giornalistiche con gli Alleati, fondò il giornale Cronache d’Italia, dedicato ai connazionali sparsi nel mondo: l’iniziativa avviò una fittissima corrispondenza epistolare con gli italiani all’estero. L’incontro ripercorre questi aspetti attraverso i documenti del fondo Del Mare conservato presso l’Archivio di Stato. Negli interventi in programma, si scopriranno anche i luoghi di Milano decisivi per i flussi migratori e la lezione di giornalismo e di vita di un maestro.
Il programma dell’incontro prevede il saluto di Annalisa Rossi, Direttore Archivio di Stato di Milano, gli interventi di Enrico Sansoni, dell’Archivio di Stato di Milano, Sandro Rinauro professore associato dell’Università degli Studi di Milano, Salvatore Giannella giornalista e scrittore, la testimonianza ricordo di Serena, figlia di Annibale Del Mare.
La mostra documentaria, a cura di Enrico Sansoni, sarà visitabile fino al 28 novembre 2018.
L’evento rientra nel Palinsesto sul Novecento italiano del Comune di Milano e nel festival MilanoAttraverso.

IL LUSSO DI SOGNARE L’ITALIA
Il lusso di sognare l'Italia - Copertina libroC’è chi vuole cancellare l’Ordine dei giornalisti. E mettere il silenziatore alla Federazione della Stampa. Obiettivo: concedere mano libera (e spregiudicata) all’informazione. Esentandola da regole e rigori professionali. In molte redazioni, sotto attacco, viene definita “epoca delle fake news”, con alta preoccupazione per il futuro del giornalismo scritto, televisivo, radiofonico, su Internet. Le notizie false e devianti affollano soprattutto i social, dove l’indicazione “mi piace” finisce per far vacillare la ragione primaria della nostra professione: che è quella di pubblicare notizie vere, documentate, utili. E necessarie per ragionevolmente comprendere qual é la situazione nel nostro Paese.
È in questo momento così difficile e complicato che vale la pena menzionare un libro intitolato “Il lusso di sognare l’Italia” (Schena editore, 15 euro) che racconta la storia di Annibale Del Mare, punto di riferimento per intere generazioni di giornalisti, straordinario esempio di correttezza professionale. Per oltre 70 anni l’informazione è stata lo scopo fondamentale della propria vita. Ha lasciato questo mondo nel 2011. Aveva 96 anni e ha continuato a lavorare fino all’ultimo. Il suo unico rimpianto è stato non poter continuare a studiare il futuro del giornalismo, suo impegno primario ed epocale, per ricavarne l’espressione migliore.
È stato lui ad annunciare la ripristinata libertà di stampa sulla “Gazzetta del mezzogiorno” il 28 ottobre 1943. All’epoca aveva seguito il Governo di Pietro Badoglio, riparato a Brindisi per fuggire dalla morsa fascista e hitleriana, e ne era diventato responsabile dell’ufficio stampa. Poi, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e con il coinvolgimento dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti ha organizzato ben 910 spedizioni di 500.000 libri in 60 Paesi dirigendo “Italy’s Life” per far conoscere anche negli Stati Uniti la ripresa dell’Italia post bellica, sempre con l’intento di diffondere la cultura e il giornalismo italiano all’estero. Con questa motivazione nel ‘73 ha ricevuto la medaglia d’oro del Presidente della Repubblica che l’ha definito “splendido esempio di giornalista innamorato del suo mestiere”.
Con il suo mensile “Cronache d’Italia” d’informazione e collegamento con i connazionali emigrati ha raccolto oltre 30 mila lettere e realizzato l’iniziativa “Nave del ricordo fraterno” per distribuire in tutto il mondo i libri-testimonianza della nostra cultura di giornalisti.
Il libro, curato da Salvatore Giannella, ripercorre le centinaia di episodi che hanno vissuto da protagonista Annibale Del Mare.
Non sappiamo come avrebbe commentato questa nostra epoca minacciata dalle “fake news”. Possiamo però immaginarlo come fece, prima di essere assassinato, Walter Tobagi che in un appassionato intervento al Congresso della Federazione della Stampa (a Pescara nel 1978) ammonì sulla necessità di porre “un rapporto di maggior credibilità con i lettori”.

Renzo Magosso


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento