Alg: anche nel calcio chi pedina i giornalisti minaccia solo la libertà di stampa


paginaI giornalisti e i giornali che raccontano fatti e situazioni a vantaggio dei lettori fanno paura solo a chi vuol nascondere qualcosa. Prima la politica, poi l’economia e adesso lo sport: i “poteri forti” che non sopportano la stampa crescono. È il caso del (ora ex) dirigente del Milan Marco Fassone che, quando era al vertice della società di calcio, ha deciso di mettere alle calcagna di quattro giornalisti - Enrico Currò e Luca Pagni di Repubblica, Carlo Festa de Il Sole 24 Ore e Tobia De Stefano di Libero - un servizio investigativo che li ha pedinati e controllati per cercare di scoprire le loro fonti. Un atto vile, una minaccia alla vita privata dei 4 cronisti e un attacco alla libertà di informazione.
L’Associazione Lombarda dei Giornalisti esprime la solidarietà di tutta la categoria ai quattro colleghi rei di fare il loro lavoro, cioè di informare il lettore.
Ci attendiamo, ora, che non solo la società Milan, ma tutte le squadre di calcio professionistico e la stessa Federazione Italiana Gioco Calcio prendano ufficialmente le distanze da comportamenti lesivi della dignità personale e professionale dei giornalisti e del tentativo di violazione delle fonti. Il pedinamento dei giornalisti è una scelta degna solo di chi vuol vivere nel torbido e, per questo, sceglie metodi e avvertimenti che ricordano quelli della peggiore criminalità organizzata o dei regimi totalitari. Confidiamo in un rapido intervento delle autorità competenti per far luce su quanto accaduto e per intervenire sui colpevoli delle azione illegali che saranno accertate.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento