Pavia, Fnsi e Alg al processo Rocchelli: «Fino alla fine verità e giustizia»


Impossibile a una parte dei cronisti entrare in aula, troppo piccola e strapiena per contenere il pubblico e gli operatori dell’informazione che volevano seguire l’udienza. Il sindacato: «Continueremo a illuminare la vicenda di Andy e quelle di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, Giulio Regeni, Stefano Cucchi, Antonio Russo».

Dal 20 al 22 marzo saremo a Roma per reclamare verità e giustizia per Ilaria Alpi e Miran Hrovatin e chiedere che le indagini sul loro assassinio non siano archiviate. Allo stesso modo continueremo a chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni, per Stefano Cucchi, per Antonio Russo, per Andrea Rocchelli e per chi ancora attende risposte dallo Stato e dalle istituzioni.

Per questa ragione, anche oggi, a Pavia, una delegazione guidata da Anna Del Freo, in rappresentanza della Federazione nazionale della Stampa italiana, e da Paolo Perucchini, presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, ha assistito all’udienza del processo che dovrà individuare i responsabili dell’uccisione del fotoreporter Andrea Rocchelli.

Impossibile a una parte dei cronisti presenti entrare in aula, troppo piccola e strapiena per contenere il pubblico e tutti gli operatori dell’informazione che volevano seguire il dibattimento. Il presidente Alg Perucchini ha annunciato che chiederà un incontro al presidente del Tribunale perché tutti i giornalisti vengano messi in condizione di lavorare.

«Saremo con la famiglia Rocchelli sino alla fine del processo – hanno dichiarato Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti – perché chi è morto cercando di illuminare le oscurità e di garantire alla comunità il diritto ad essere informata non può essere archiviato dalle nostre menti e dai nostri cuori».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento