Il Giornale chiude Roma. Per la Alg è una scelta sbagliata e miope


Il coraggio di credere ancora nel futuro dell’editoria sembra essere svanito nella grande famiglia Berlusconi. Lo testimonia l’annuncio di oggi al Comitato di Redazione con il quale la Società Europea di Edizioni ha delineato la chiusura della redazione romana del quotidiano Il Giornale. Redazione nella quale oggi lavorano 20 persone (17 giornalisti e 3 poligrafici) dei 118 dipendenti complessivi (73 giornalisti e 45 poligrafici) del quotidiano fondato da Indro Montanelli. Annuncio cui ha fatto seguito la proclamazione di una giornata di sciopero immediato.

“Pochi giorni fa avevamo chiesto alla grande famiglia Berlusconi di credere ancora nel futuro dell’editoria: lo avevamo chiesto rispondendo alle sibilline parole di Ernesto Mauri, amministratore delegato di Mondadori – socio di minoranza della società che edita Il Giornale – che lasciava presagire la “mano pesante” sui giornalisti” come soluzione per riportare a maggior equilibrio il bilancio della società operando, ancora una volta solo sulla leva dei costi, dice il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini.

“Arriva invece l’annuncio della chiusura della redazione romana: una scelta strategica incomprensibile per un quotidiano come Il Giornale che fa della cronaca politica uno dei suoi punti di valore. Una scelta sbagliata e oggettivamente miope che rischia di consolidare i dubbi sulle reali volontà di prospettiva dell’editore”.

Il sindacato lombardo dei giornalisti esprime solidarietà ai colleghi de il Giornale in sciopero e conferma il suo impegno a fianco del CdR e della redazione nel suo complesso in tutte le iniziative, anche di lotta, che vorranno intraprendere.

Di seguito il comunicato di Cdr e Rsu

Il Comitato di redazione (Cdr) e la Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) del Giornale hanno proclamato per oggi una giornata di sciopero per protestare contro la decisione unilaterale della Società europea di edizioni, comunicata oggi, di chiudere a partire dal 30 aprile prossimo la redazione romana della testata.

Le rappresentanze sindacali deprecano e respingono la decisione, arrivata dopo mesi di trattative sulla riduzione del costo del lavoro giornalistico, durante le quali i dipendenti del quotidiano fondato da Indro Montanelli hanno dimostrato la massima disponibilità. Ai dipendenti poligrafici una ipotesi analoga era stata semplicemente ventilata e mai neppure formalizzata.
Oggi l’azienda, con un vero e proprio ricatto, mette diciannove lavoratori e le loro famiglie davanti alla scelta secca tra le dimissioni e il trasferimento coatto da Roma a Milano. La chiusura della redazione del giornale si configura come una rappresaglia di un management poco abituato a relazioni industriali collaborative.
La soppressione della redazione romana rappresenta la perdita di un punto riferimento culturale e politico e segna il tramonto di una lunga stagione editoriale. La scelta non porta alcun beneficio economico ai conti del quotidiano, anzi rischia di relegarlo ad un ruolo di foglio senza più ambizioni nazionali. La redazione di Roma è sempre venuta incontro alle esigenze economiche e strutturali de Il Giornale, con un progetto riuscito di integrazione sul lavoro di desk tra Roma e Milano.

Il Comitato di Redazione
La Rappresentanza sindacale unitaria


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento