Il Giornale, da oggi senza redazione a Roma. Il Cdr: scelta manageriale sbagliata


Comunicato CdrLa redazione di Roma del quotidiano Il Giornale é stata chiusa per scelta manageriale dell’editore. Un piano andato avanti nonostante la contrarietà dei giornalisti del quotidiano che fu fondato da Indro Montanelli, e del sindacato. L’Associazione Lombarda dei Giornalisti si unisce alla richiesta dei colleghi affinché al più presto sia ripristinato un adeguato presidio giornalistico su Roma, e vigilerà sulla gestione del trasferimento.

Il comunicato del Cdr de Il Giornale

Da oggi il Giornale è l’unico grande quotidiano nazionale senza una redazione romana. Da oggi i giornalisti che seguono la politica, la politica economica e la cronaca della Capitale lo faranno da Milano, con difficoltà facilmente immaginabili e a scapito della qualità delle informazioni che costituiscono il cuore del notiziario di un quotidiano che da sempre segue la politica con grande attenzione.

È opportuno che i lettori sappiano che il Cdr (la rappresentanza sindacale dei giornalisti) si è opposto con forza a questa decisione, che i giornalisti hanno dato disponibilità a trovare forme di risparmio più efficaci e meno traumatiche per la vita dei colleghi di Roma e delle loro famiglie. L’azienda non ha concesso nulla ed è rimasta ferma su una decisione che farà perdere autorevolezza e valore al quotidiano fondato da Indro Montanelli.

Il Cdr ringrazia i lettori, gli esponenti della politica, dell’ economia e della cultura che hanno espresso solidarietà alla redazione romana. Ringrazia il sindacato dei giornalisti (Fnsi, Associazione lombarda giornalisti e Associazione stampa romana) che si è reso disponibile da subito e ha proposto all’azienda un percorso di riduzione dei costi responsabile ed economicamente sostenibile. Appelli tutti caduti nel vuoto.

Il Cdr invita il management e la direzione a gestire in condizioni di parità di trattamento la fase di trasferimento a Milano dei giornalisti fino a ieri basati a Roma, chiede di riaprire quanto prima una redazione nella Capitale e, in subordine, di predisporre al più presto un presidio giornalistico in grado di fornire informazioni di prima mano e di qualità. Esigenza tanto più forte per i lettori e l’opinione pubblica in questo momento di grande instabilità politica. Il Cdr invita il management e la direzione a conciliare per quanto possibile, una volta chiusa la fase del trasferimento, le necessità organizzative con le esigenze dei colleghi che finora hanno pagato più duramente le scelte aziendali.

Il Cdr si impegna a vigilare con la massima attenzione sulla gestione di un trasferimento che per volontà dell’editore, va ribadito, aggiunge problemi alla già grave situazione nella quale si trova la testata. E a vigilare con la massima attenzione sull’utilizzo dei collaboratori.

Il Cdr coglie l’occasione per ringraziare ancora una volta la redazione per la compattezza dimostrata negli ultimi mesi e auspica che tale compattezza, precondizione per tutelare con efficacia i diritti sindacali e professionali di tutti i giornalisti, venga riconfermata nel prossimo futuro. Il Cdr.

Il Cdr


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento