Diritto d’autore, la Fnsi a Venezia: «La Ue vigili sul recepimento della direttiva europea»


Il nuovo appello nel corso dell’iniziativa promossa nell’ambito della Mostra del Cinema in collaborazione con le Giornate degli autori e il Sindacato dei giornalisti cinematografici. Il presidente del Parlamento Ue, David Sassoli: «È una battaglia di libertà. Ora è fondamentale il follow up negli Stati membri».

Un momento dell'iniziativa della Fnsi a Venezia«Chiediamo che le istituzioni europee facciano in modo che la direttiva sul diritto d’autore venga recepita e fatta propria anche in Italia». Questo l’appello lanciato dal segretario generale Lorusso e dal presidente Giulietti nel corso della iniziativa sul copyright promossa nell’ambito della Mostra del Cinema di Venezia dalla Federazione nazionale della Stampa italiana, in collaborazione con le Giornate degli autori e il Sindacato dei giornalisti cinematografici, alla presenza del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

«Il governo – ha aggiunto Lorusso – è stato fino ad ora contrario; non vorremmo che continuasse l’avversione verso queste norme di civiltà. Noi riteniamo che, rispetto ai mesi passati, serva discontinuità sui temi dell’editoria e del giornalismo, perché fino ad oggi abbiamo assistito a politiche volte a colpire l’informazione a favore delle piattaforme multimediali, dove la comunicazione è manipolabile».

Per il segretario generale della Fnsi, «ora si apre una partita complessa: quella del recepimento e dell’applicazione della direttiva. La Francia l’ha già recepita. In Italia ha prevalso un pregiudizio ideologico nei confronti dell’informazione e di chi fa informazione. Recepire la direttiva europea sul diritto d’autore significa difendere il lavoro regolare. Il problema del saccheggio dell’informazione è un problema che riguarda il lavoro, ma anche la tenuta democratica del Paese. Senza informazione corretta e libera non c’è futuro democratico per il Paese».

L’augurio, ha concluso Lorusso, è «che le istituzioni esercitino il potere di cui dispongono per richiamare gli Stati membri al rispetto dei valori su cui si fonda l’Europa, ad iniziare proprio dalla libertà di informazione e d’espressione. Senza informazione non c’è futuro per la democrazia».

Un momento dell'iniziativa della Fnsi a VeneziaIl presidente Giulietti, annunciando la consegna al presidente Sassoli di due documenti, «uno per liberare il linguaggio giornalistico dalle parole dell’odio – ha detto – e uno per ricordare Antonio Megalizzi, un ragazzo che aveva nel cuore l’Europa e il giornalismo», ha evidenziato che «questa iniziativa mette insieme persone di provenienza differente e con competenze diverse con l’obiettivo comune di rompere le barriere contro gli ostacoli all’informazione».

Da qui il secondo appello: «Liberiamo il pensiero critico dalle tante forme di tagli e bavagli che crescono in Europa. Penso – ha aggiunto Giulietti – a grandi manifestazioni in Ungheria, Polonia, Turchia. Dobbiamo creare una rete unica contro ogni forma di resistenza non solo in Italia, ma in tutta Europa, per la libertà di stampa».

un-momento-della-iniziativa-della-fnsi-a-venezia2In chiusura, David Sassoli ha ricordato Antonio Megalizzi: «Una ferita ancora aperta per il Parlamento europeo e per tutta l’Europa. Il suo scopo era di far conoscere l’Europa a chi l’Europa non la conosce. Perché se l’Europa non la conosci come la cambi?», ha osservato.

E infine, sulle nuove norme in materia di diritto d’autore, il presidente del Parlamento Ue ha rilevato: «L’Europa ha voluto dire al mondo che non si possono calpestare i diritti, violare la dignità delle persone, sfruttare e sottopagare il lavoro, ignorare investimenti in competenze e professionalità. È una battaglia di libertà: c’è in gioco il valore del lavoro intellettuale e creativo, il pluralismo, il giornalismo di qualità, la sostenibilità dell’industria culturale. Ora è fondamentale il follow up negli Stati membri».

 


Direttiva europea sul copyright, il 30 agosto iniziativa Fnsi a Venezia alla presenza di David Sassoli

Appuntamento alle 15.30 nella Casa degli Autori, sul lungomare Marconi, nell’ambito della 76a Mostra del Cinema. Al termine, il presidente Giulietti e la famiglia Megalizzi presenteranno la neonata fondazione intitolata alla memoria di Antonio Megalizzi.

Recepire anche in Italia, in tempi brevi, la direttiva europea sul copyright. Si tratta di un passaggio indispensabile per tutelare il lavoro giornalistico, i prodotti editoriali e tutte le opere dell’ingegno dagli assalti dei giganti della rete. Un’iniziativa di sensibilizzazione sarà promossa domani, 30 agosto, nell’ambito della Mostra del Cinema di Venezia, dalla Federazione nazionale della Stampa italiana, in collaborazione con le Giornate degli autori e il Sindacato dei giornalisti cinematografici. All’evento, in programma alle 15.30, nella Casa degli Autori, sul lungomare Marconi, al lido di Venezia, interverrà il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.
Dopo i saluti di Paolo Baratta, presidente della Biennale, e di Alberto Barbera, direttore della Mostra del Cinema, interverranno Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi; Andrea Purgatori, presidente delle Giornate degli autori; Giorgio Gosetti, direttore delle Giornate degli autori; Laura Delli Colli, presidente del Sindacato dei giornalisti cinematografici e della Fondazione Cinema per Roma. Coordinerà i lavori, Monica Andolfatto, segretaria del Sindacato dei giornalisti del Veneto. Concluderà, David Sassoli, presidente del Parlamento europeo.
Al termine, il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, e la famiglia Megalizzi presenteranno la neonata fondazione intitolata alla memoria di Antonio Megalizzi e consegneranno al presidente Sassoli la prima copia dello Statuto.

29 agosto 2019


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento