Manovra Inpgi: ora si riparta


L’intervento del presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti alla giunta Fnsi che ha dato il suo via libera alla manovra Inpgi.

È una manovra che gestisce una fase recessiva. Per questo motivo non è una bella manovra. Si interviene per sostenere, per cercare di dare fiato all’ente: non per migliorare nostri diritti o prestazioni. Ma questo è quanto si deve fare, con senso di responsabilità, nella situazione odierna.
Purtroppo gli interventi, anche quelli già fatti propri dall’ente nella fase precedente, sono pesanti. Gravano ancora su una categoria che ha già dato.
Il tema della disoccupazione, con l’indennità a calare, non è certo un punto di merito. Il tema donne, è un capitolo che andava affrontato, ma che ora, così come ipotizzato, è oggettivamente penalizzante. Allo stesso modo, il tema giovani: l’Inpgi, da solo, non ha capacità di incidere sul rilancio del mercato del lavoro per giovani. Ci vogliono sforzi e impegno per rilanciare, in modo coordinato, anche attraverso il sostegno della politica, l’occupazione giornalistica. In fine il tema pensionati: i diritti esistenti vanno garantiti, ma se le prerogative dei pensionati vanno salvaguardate è comunque giusto che anche a loro si chieda un’assunzione di responsabilità in un momento in cui i sacrifici vanno condivisi tra tutti.
L’urgenza di interventi, la necessità di portare a casa il via libera dai ministeri, l’obiettivo -blindato- della sostenibilità e dell’autonomia gestionale dell’ente sono fondamentali. Va dato atto al Cda dell’Inpgi che, nel contesto dato, non ci sono linee strategiche di intervento diverse da quelle individuate. A meno che -come sostiene qualcuno- si dovesse preferire una resa concordata (o trattata) all’Inps: soluzione che, però, confligge con l’obiettivo dell’autonomia che per noi resta prioritario.
Se, quindi, è vero che non ci sono linee strategiche differenti dai binari di questa manovra, è altrettanto vero che il Cda Inpgi avrebbe dovuto condividere preventivamente con la categoria questo passaggio. Dieci giorni di tour per un confronto con i colleghi, precedenti al varo della manovra, a mio giudizio è sì uno sforzo: ma andava fatto. Non lo ha fatto prima, il Cda Inpgi: lo faccia subito dopo l’approvazione degli interventi.
Questa manovra, comunque, non va vista come punto d’arrivo: deve essere il punto di ripartenza.
Serve riconquistare la centralità della categoria. Va ricostruita una capacità di proposta e di interlocuzione con il mondo della politica. Va riconquistata la specificità del nostro comparto in una visione generale delle politiche industriali del Paese. Siamo un settore strategico per lo sviluppo democratico nazionale. Servono norme ad hoc per il rilancio del nostro mondo produttivo.
Per trasformare l’industria dell’editoria servono tempi lunghi: per questo è necessario cominciare questo percorso e avviare il confronto su temi quali statuto delle imprese editoriali, concetto di editore puro, compartecipazione nel governo delle nostre imprese. Nell’immediato, invece, occorre premere affinché ci sia un rilancio congiunturale. Chiediamo alla politica che per il nostro settore ci si inventi una specie di “legge Tremonti” (gestita attraverso la logica del credito d’imposta?) per chi investe sui giovani.
Nel nostro settore il capitale umano è l’elemento centrale. Valorizziamolo. A parità (o tendenziale parità) di condizioni economiche-previdenziali rispetto al sistema ordinario, si incentivi fiscalmente l’ingresso di giovani. Si agevolino le stabilizzazioni. Si disincentivi la prosecuzione del lavoro post quiescenza. Si sostenga, promuovendola, la staffetta occupazionale.
A noi, invece, il compito di individuare attraverso il coordinamento degli enti che costituiscono i pilastri del nostro welfare, metodi, modelli e strategie per mettere a fattore comune capacità e progetti che portino maggiore economicità nella loro gestione, più efficienza nelle politiche di verifica e controllo, ma garantiscano anche politiche di categoria a garanzia e sostegno dei colleghi, con particolare riguardo ai giovani, alle donne e a chi, vittime di un contesto ormai degradato, fa fisicamente fatica a restare nelle redazioni fino a 66 anni.


Inpgi, dal Cda via libera alla riforma

(FNSI.IT) - Il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi ha approvato all’unanimità gli interventi sulle prestazioni previdenziali. Via libera a maggioranza al contributo di solidarietà sulle pensioni più alte. In tema del turn over aziendale sarà affrontato al tavolo tra governo e parti sociali e inserito nell’ambito di una discussione più ampia sul rilancio del sistema.

La riforma delle prestazioni dell’Inpgi, l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di amministrazione dell’ente. Parti sociali e governo rinviano ad un successivo tavolo di confronto il tema del turno over aziendale e del ricambio generazionale, oltre che l’aumento del contributo sulla mobilità a carico di lavoratori e aziende. Questi aspetti saranno approfonditi nell’ambito di una discussione generale sul futuro del sistema, partendo dalla riforma delle norme in vigore e dall’individuazione di nuovi canali di finanziamento e di sostegno al settore.
Approvata a maggioranza, con due voti contrari, la delibera che istituisce il prelievo di solidarietà, limitato a tre anni, a carico delle pensioni più alte. Tutte le misure approvate dal Cda dovranno ora passare al vaglio dei Ministeri vigilanti.
La richiesta di mobilitare gli istituti di categoria per il rilancio del settore era arrivata della Federazione nazionale della stampa italiana a margine della riunione in cui la Giunta federale ha dato parere favorevole alle ipotesi di interventi, chiedendo di prevedere nella manovra caratteristiche di equità, sostenibilità e solidarietà, anche intergenerazionali, e di proteggere i soggetti più deboli.
«Con questa proposta di riforma approvata all’unanimità da tutto il Cda – commenta la presidente Marina Macelloni – l’istituto completa un percorso virtuoso di messa in sicurezza dei propri conti, per poter garantire la propria autonomia e la sostenibilità delle prestazione anche in futuro e quindi anche per le persone più giovani che cominciano a contribuire adesso».
«Gli interventi sono pesanti, ma inevitabili - osserva Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi -. La grave crisi del settore si ripercuote negativamente sui conti dell’Inpgi che è tenuto per legge a garantire la sostenibilità e l’equilibrio del bilancio nel lungo periodo. L’approvazione di queste misure ha rappresentato una grande assunzione di responsabilità da parte di tutto il gruppo dirigente e il voto unanime del Cda lo dimostra. Il confronto deve adesso spostarsi in sede governativa, dove è necessario avviare con urgenza un confronto sul rilancio dell’intero comparto che si ponga l’obiettivo di assicurare la tenuta del sistema, ristabilendo un equilibrio virtuoso fra uscite ed entrate nel mondo del lavoro e tutelando le giornaliste e i giornalisti che si trovano in situazioni di maggiore difficoltà. Senza la ripresa dell’occupazione e la lotta al precariato qualsiasi manovra risulterà inadeguata. È necessario che il governo si faccia carico di questa necessità assicurando al settore gli strumenti, anche di carattere economico, per chiudere la fase di ristrutturazione ancora in atto e porre le basi per una ripresa solida e duratura».

PER APPROFONDIRE
Qui il link al parere della Fnsi.
In allegato il comunicato dell’Inpgi con le principali misure approvate dal Cda.

Il comunicato dell’Inpgi con le principali misure approvate


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento