I giornalisti di Metro dicono no alle modifiche editoriali proposte dal Direttore


Di seguito riportiamo il comunicato del CDR e dell’assemblea dei giornalisti di Metro.

I giornalisti di Metro respingono il progetto di modifiche editoriali esposte dal Direttore all’Assemblea. Tale progetto, presentato come una riforma del servizio degli Spettacoli, continua ad apparire all’Assemblea, in realtà, un drastico ridimensionamento degli stessi, con riguardo specialmente alla parte strettamente locale.
L’assemblea di Metro ritiene questo progetto un impoverimento dei contenuti editoriali del giornale. Inoltre l’effettivo dimezzamento delle pagine degli spettacoli illustrato dal Direttore non è inserito in un piano editoriale organico e prefigura una strisciante ristrutturazione del quotidiano.
In attesa del piano editoriale che il Direttore avrebbe dovuto presentare nello scorso dicembre 2016 - alla firma del contratto di solidarietà al 50% - sul quale l’Assemblea si riserva di esprimere una valutazione, i giornalisti di Metro prendono atto della decisione presa dall’Editore di sospendere la modifica del calendario delle uscite di Metro (modifica che l’Assemblea ritiene profondamente preoccupante) e di rimandare ogni decisione dopo la pausa estiva.
I giornalisti di Metro restano comunque in stato di agitazione, vigili contro ogni tentativo di snaturare l’identità del giornale.

L’assemblea e il Cdr di Metro - (11 maggio 2017)


Metro, continua lo stato d’agitazione

Di seguito riportiamo il comunicato del CDR e dell’assemblea dei giornalisti pubblicato su Metro di oggi.

I giornalisti di Metro, attualmente in solidarietà al 50%, proseguono lo stato d’agitazione in attesa della richiesta d’incontro da parte dell’Editore per riaprire la trattativa sulla compensazione delle domeniche che secondo il nuovo piano non sarebbero più lavorative, dal momento che l’Azienda intende far uscire il quotidiano non più dal lunedì al venerdì ma dal martedì al sabato. I giornalisti di Metro tornano ad esprimere preoccupazione per l’annunciato ridimensionamento delle pagine degli spettacoli locali di Roma, Milano e Torino.
Di seguito pubblichiamo un messaggio di solidarietà giunto a Metro
Il Cdr e l’assemblea di Metro - (10 maggio 2017)

- Associazione Stampa Romana:
A pochi mesi dalla firma di una solidarietà per salvare Metro l’editore Farina ha deciso che non bastava. Non bastava un taglio del cinquanta per cento del costo del lavoro. Ha deciso di rimodulare le uscite della free press con calendario martedì-sabato per non pagare le domeniche ai redattori.
In cambio il buono pasto dei colleghi si arricchisce di due euro.
Una roba incomprensibile. Il sabato, giornata scarica per i lettori della free press tra scuole a riposo e trasporti meno frequenti, garantirà meno lettori e meno visualizzazioni pubblicitarie che dunque compenseranno in negativo la riduzione sul costo delle domeniche. La miopia dell’editore che taglia anche le pagine culturali fa il paio con l’arroganza del fatto compiuto di fronte alle obiezioni del corpo redazionale. Stampa romana reputa grave il precedente ed è solidale con la redazione di metro in stato di agitazione.
Segreteria Associazione Stampa Romana


La redazione di Metro prosegue nello stato di agitazione e anche oggi prende posizione sulla vertenza in atto. Di seguito il comunicato diramato oggi.

I giornalisti di Metro apprendono dalla risposta dell’Editore pubblicata sul giornale di ieri (http://www.metronews.it/17/05/08/comunicato-sindacale-e-risposta-delleditore.html) che «la trattativa non si è mai interrotta» e che «il giornale continuerà a dare conto degli spettacoli locali».
Nel primo caso l’Editore fa riferimento alla modifica del calendario delle uscite di Metro, che prossimamente sarà distribuito non più dal lunedì al venerdì, ma dal martedì al sabato. Questione per la quale l’Editore aveva offerto a compensazione delle domeniche non più lavorate dal corpo redazionale – già in solidarietà al 50% - 2 euro su ogni buono pasto (da 5 euro) per ogni giorno lavorato. L’assemblea aveva respinto tale compensazione richiedendo un abbassamento della solidarietà che finora è stato più volte negato.
Nel secondo caso l’Editore si riferisce all’intenzione annunciata di tagliare le tre pagine degli spettacoli locali di Roma, Milano e Torino e inserire al loro posto solo una mezza pagina nazionale con una parte di cartellone.
Fino a che non ci sarà una convocazione dei rappresentanti sindacali da parte dell’Editore che testimoni la volontà effettiva e non solo a parole di mantenere la trattativa aperta, i giornalisti di Metro proseguono lo stato di agitazione.
Il Cdr e l’assemblea di Metro - ( 9 maggio 2017)


Di seguito il nuovo comunicato sindacale del CDR e dell’assemblea dei giornalisti pubblicato su Metro di oggi.

I giornalisti di Metro, auspicando che l’editore voglia al più presto riaprire la trattativa, proseguono lo stato di agitazione avviato dopo la comunicazione del nuovo calendario di uscita del giornale, dal martedì al sabato, che oltre a stravolgere il profilo di un giornale da 17 anni destinato ai pendolari, cancellerà anche la maggiorazione del lavoro domenicale, a pochi mesi dal durissimo accordo di solidarietà difensiva al 50%. Preoccupa inoltre la drastica riduzione annunciata degli spettacoli locali di Milano, Roma e Torino. Di seguito riportiamo alcuni messaggi di solidarietà giunti alla redazione:

- “L’Alg esprime solidarietà ai colleghi di Metro che hanno proclamato lo stato di agitazione dopo che l’editore ha comunicato l’intenzione di cambiare il calendario di uscita delle edizioni del quotidiano. L’Associazione, insieme ai colleghi, vigilerà sugli sviluppi della vicenda”.

-“Abbiamo appreso dal comunicato dell’assemblea dei giornalisti della vostra redazione dei drastici cambiamenti ipotizzati dall’editore. Metro è un irrinunciabile punto di rifermento per gli spettatori del teatro e per le scelte del tempo libero a Milano. Esprimiamo prima di tutto la nostra solidarietà alle redazioni a nome nostro, della direzione del Teatro Elfo Puccini ma - crediamo - anche a nome di molti spettatori che si orientano nelle loro scelte culturali grazie alle pagine locali degli spettacoli. Ci auguriamo quindi che ci siano margini per un ripensamento delle scelte editoriali annunciate”. L’Ufficio Stampa del Teatro Elfo Puccini

Il Cdr e l’assemblea di Metro - (8 maggio 2017)


L’Alg esprime solidarietà ai colleghi di Metro che hanno proclamato lo stato di agitazione dopo che l’editore ha comunicato l’intenzione di cambiare il calendario di uscita delle edizioni del quotidiano. L’Associazione, insieme ai colleghi, vigilerà sugli sviluppi della vicenda.

Di seguito riportiamo il comunicato del CDR e dell’assemblea dei giornalisti pubblicato su Metro di oggi.

I giornalisti di Metro restano in stato di agitazione. A pochi mesi dall’entrata in vigore di un accordo durissimo di cassa integrazione al 50%, infatti, l’Editore ha comunicato che prossimamente cambierà il calendario delle uscite del giornale, una “rivoluzione” che non faceva parte dell’accordo di solidarietà dello scorso dicembre e che rischia di avere un impatto grave sul lavoro di tutti. Metro non uscirà più il lunedì, ma dal martedì al sabato, e la decisione, che già di per sé pare incomprensibile per un giornale di pendolari come il nostro, non è stata suffragata da dati, indagini di mercato, accurate previsioni di raccolta pubblicitaria. Il reddito dei giornalisti sarà ulteriormente colpito e decurtato grazie all’abolizione delle maggiorazioni domenicali. Ma il timore maggiore dei giornalisti è che venga stravolta l’identità della testata che ha introdotto la free press in Italia 17 anni fa: alla modifica delle uscite si accompagnerà il drastico ridimensionamento degli spettacoli locali delle edizioni di Milano, Roma, Torino. Che si tradurrà, temiamo, in un impoverimento dei contenuti del giornale e in un indebolimento delle capacità di attrarre risorse pubblicitarie.

Il Cdr e l’assemblea dei giornalisti di Metro - (5 maggio 2017)


Metro, proclamato stato d’agitazione

Di seguito riportiamo il comunicato del CDR e dell’assemblea dei giornalisti di Metro.

Cari lettori,
il Metro che avete conosciuto in questi 17 anni sta per cambiare radicalmente faccia. Prossimamente, infatti, non uscirà più il lunedì. Uscirà dal martedì al sabato. La modifica del calendario delle uscite del nostro quotidiano, che l’Editore ha ufficialmente comunicato nelle settimane scorse al Cdr, non è un semplice dettaglio tecnico, ma impatterà in modo grave e sostanziale sugli accordi sottoscritti, sulla natura stessa del giornale, sul trattamento economico dei giornalisti.
Appena lo scorso dicembre, infatti, i giornalisti avevano accettato un durissimo piano di ristrutturazione proposto dall’Editore che prevedeva la messa in solidarietà alla percentuale del 50%. Una rinuncia grave (metà stipendio), in cambio di un minimo di stabilità per i quasi due anni di durata dell’accordo che parevano garantiti. Non è stato così, purtroppo. A pochi mesi dall’entrata in vigore dell’accordo, l’Editore, modificando il calendario delle uscite, che non faceva parte dell’accordo di solidarietà, priverà i giornalisti della maggiorazione del lavoro domenicale, sottraendo così, unilateralmente, risorse economiche aggiuntive rispetto a quelle cui i giornalisti in cassa integrazione erano già costretti a rinunciare.
È diritto dell’Editore, si intende, decidere le uscite. Ma ai giornalisti che gli chiedevano una doverosa compensazione per l’ulteriore perdita che si apprestano a subire, proponendo un abbassamento della solidarietà in cambio di ore di lavoro in più da dedicare al giornale, ha risposto offrendo 2 (due) euro in più a buono pasto per ogni giorno lavorato, ritenendo non necessario il lavoro giornalistico offerto. Una risposta che l’assemblea dei giornalisti ha giudicato umiliante e offensiva, rispedendola al mittente. A parte il senso di frustrazione, è grande la preoccupazione dei giornalisti per la vaghezza, anzi per l’assenza di un piano di rilancio del quotidiano che ha introdotto la free press in Italia: l’Editore ha detto di voler rinunciare all’uscita del lunedì, progetto che di per sé pare un salto nel buio per un giornale popolare e diffuso tra i pendolari come il nostro, senza produrre dati, cifre, studi, previsioni inoppugnabili. Non solo. Contestualmente al cambio dei giorni di uscita, verrà drasticamente ridimensionato un intero servizio, quello degli spettacoli locali dedicati alle città di Milano, Roma, Torino. La decisione pare sorprendente, in un periodo come questo, in cui la maggior parte della raccolta, come ha riferito lo stesso Editore, è assicurata dalla pubblicità locale, e inquietante, per i riflessi che un simile ridimensionamento potrà avere sull’organico. Per queste ragioni, i giornalisti entrano in stato di agitazione.

Il Cdr e l’assemblea dei giornalisti di Metro - (4 maggio 2017)


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento