Statuto ALG: 14 giornalisti chiedono al Tribunale di annullare le modifiche approvate da oltre mille colleghi


L’Associazione Lombarda dei Giornalisti, nella persona del suo presidente Paolo Perucchini, è stata citata in giudizio da 14 colleghe e colleghi che si sono rivolti al Tribunale Civile di Milano per chiedere l’annullamento (previa sospensione immediata dell’esecuzione della delibera adottata dall’Assemblea dei soci del 27 febbraio scorso) delle modifiche allo Statuto Sociale approvate dai soci lo scorso marzo e, contestualmente, al pagamento delle spese, competenze e onorari della procedura avviata.
Il ricorso contro la modifica dello Statuto è stato presentato dai colleghi Massimo Arturo Alberizzi, Elena Scrabole, Giuseppina Amelia Angela Sacchini, Ferdinando Baron, Cristina Elvira Berretta, Alberto Roveri, Francesca Gianquinto, Andrea Montanari, Luisa Espanet, Lucia Rosa Maria Bocchi, Ottavia Eletta Molteni, Laura Anna Verlicchi, Alessandra Vittoria Fanelli, Paolo Acilio Crespi, che si sono rivolti agli avvocati professor Ugo Minneci e Sabina Mantovani.
Il ricorso è stato notificato all’ALG mercoledì 12 luglio mentre l’udienza è stata fissata dal giudice dottor Nicola Di Plotti al 13 settembre prossimo, alle ore 10, presso la sezione Prima del Tribunale di Milano.
“Affronteremo il giudizio del Tribunale con la fiducia e la serenità di chi, rispettando le norme, ha voluto dare corso a uno storico passaggio di innovazione delle regole che governano la vita associativa del sindacato lombardo dei giornalisti – spiega Paolo Perucchini -. Il percorso liberamente e democraticamente intrapreso nel rispetto della volontà di tutti i soggetti coinvolti, in primis l’assemblea degli iscritti, ha visto esprimersi per il cambiamento oltre mille colleghi regolarmente iscritti, confermando così una partecipazione straordinaria al processo decisionale offerto alla valutazione di tutti i soci. La modifica dello Statuto della Lombarda è frutto di un intenso lavoro di revisione che ha coinvolto attivamente per mesi un gruppo di lavoro composto da tutte le anime del sindacato: compresa la stessa componente sindacale guidata dal collega Alberizzi, cui fanno riferimento tutti i colleghi attori di questo ricorso. Componente che poi ha preferito assumere una strumentale posizione di aspra critica e contrapposizione più che all’impianto della riforma, al solo percorso d’approvazione”.
“In attesa dell’udienza, l’unico rammarico è che questa vicenda alla fine sottrarrà del tempo prezioso all’attività di assistenza ai giornalisti che il nostro sindacato quotidianamente garantisce, ma soprattutto imporrà l’investimento di soldi della categoria per far fronte a richieste che rischiano di apparire un semplice pretesto per rivincite individuali in barba alla volontà democratica dei colleghi lombardi. Augurandomi che anche l’esame del Tribunale attesti in via definitiva la regolarità di quanto avvenuto in occasione della modifica del nostro Statuto, sarà ovviamente premura della ALG verificare se esistono i presupposti per chiedere ai singoli ricorrenti la copertura dei danni economici e di immagine causati dall’azione intrapresa dai 14 colleghi”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento