Hearst Marie Claire: no alla delocalizzazione selvaggia


Presidio sotto la sede Hearst in occasione dello sciopero dei giornalisti HMC HMI“Non possiamo far morire l’informazione per giustificato motivo oggettivo economico. Né possiamo tollerare che il giornalismo veda nascere la figura del frontaliere dell’informazione digitale: che è assunto in Svizzera, che scrive per un sito .it legato ad una testata giornalistica italiana, ma non vede applicato il contratto giornalistico, magari non è iscritto nemmeno all’Ordine e così può evitare le basilari regole della deontologia professionale”. Lo hanno detto il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti Paolo Perucchini e Anna del Freo, segretario generale aggiunto della Federazione della Stampa e vicepresidente della ALG, durante il presidio sotto la sede italiana di Milano del gruppo Hearst, in occasione dello sciopero dei giornalisti di Hearst Marie Claire e Hearst Magazine Italia.
L’iniziativa è stata organizzata contro il licenziamento della collega Clara Settimo e contro la decisione di Hearst di trasferire a Chiasso, in Svizzera, le redazioni delle pubblicazioni digitali in modo da evitare l’applicazione del contratto nazionale di lavoro giornalistico.
“L’iniziativa di protesta dei giornalisti Hearst è significativa. È il primo campanello d’allarme su una vicenda che deve far riflettere l’intera categoria – ha quindi aggiunto Perucchini -. Questo fenomeno rischia di diventare un pericoloso precedente per la sopravvivenza della professione giornalistica e del diritto all’informazione del cittadino. La strada dell’internazionalizzazione digitale così come tracciata dalla multinazionale Hearst suona come un banale tentativo per liberarsi del contratto nazionale di lavoro e dalle regole ordinistiche. Elementi, questi, vissuti come lacci, ma che in Italia sono i principi basilari su cui si costruisce il rapporto di fiducia tra lettore e prodotti editoriali quotidiani, periodici e digitali”.
“A distanza di poco più di un anno dal caso Alba Solaro, il gruppo Hearst ricade nella tentazione di utilizzare il licenziamento per risolvere i problemi in redazione, e accampa la scusa di motivi economici per giustificare un licenziamento individuale che invece, per il sindacato è di tipo discriminatorio” ha poi spiegato Anna del Freo. Che sulla vicenda delocalizzazione delle redazioni in Svizzera, ha quindi aggiunto: “Il sindacato nazionale dei giornalisti affiancherà quello lombardo in una serie di iniziative per verificare, in tutte le sedi, la correttezza di quanto avviato da Hearst”.

presidio-sotto-la-sede-hearst-in-occasione-dello-sciopero-dei-giornalisti-hmc-e-hmipresidio-sotto-la-sede-hearst-in-occasione-dello-sciopero-dei-giornalisti-hmc-hmi1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento